Consigliamo
Spread the love

Introduzione

A grande richiesta pubblico questa guida su tutto quello che c’è da sapere sul Bitcoin Mining e come funziona questa fantastica criptovaluta con pure immagini esplicative per facilitare la comprensione…  Cominciamo!

In Breve

Bitcoin Mining – Cos’è Sta Bestia?

Vi siete mai chiesti da dove vengano i bitcoins? Mentre coi soldi di carta vi è un governo che decide quando e quanti soldi distribuire, i bitcoins non hanno un governo centrale.

Nel sistema Bitcoin, i “minatori” usano un software speciale per risolvere problemi matematici utilizzando il loro processore e ricevono in cambio un certp numero di Bitcoins. Questo metodo non solo assicura una maniera intelligente per distrubuire moneta (basandosi sulla matematica invece che sui governi) ma crea pure così un incentivo a minare Bitcoins sostenedo in questo modo la moneta stessa.

Bitcoin Mining significa quindi: Risolvere probemi matematici utilizzando il proprio hardware ricevendo in cambio un certo numero  di Bitcoins.

Come il Processo Di Mining Rende Il Network Sicuro

I “minatori” di Bitcoins aiutano a tenere sicuro il Network approvando le transazioni.
Il processo di Mining è una parte essenziale della criptovaluta che assicura equità mantenendo la rete Bitcoin stabile e sicura.

Nel Dettaglio

Comprendere Il “Bitcoin Mining”

Bitcoin Mining è quel processo in cui si aggiungono le registrazioni delle transazioni al registro contabile pubblico chiamato Block Chain. Questo “libro mastro” contiene tutte transazioni avvenute in Bitcoins ed è chiamato blockchain, che in inglese significa catena di blocchi. Questa catena di blocchi serve per confermare al resto del network che le transazioni siano avvenute.

La rete Bitcoin essendo Peer-toPeer è costituita da diversi nodi che oltre a “minare” si occupano anche di usare la Block Chain per distinguere le transazioni Bitcoin legittime dai tentativi di spendere nuovamente monete che sono state già spese in precedenza da qualche altra parte.

Bitcoin Mining Illustrato

Perchè Minare Bitcoin è così difficile

Il processo di bitcoin mining è stato disegnato di proposito per essere difficile ed avido di risorse hardware, questo per fare in modo che il numero di blocchi trovati ogni giorno dai “minatori” rimanga stabile. I blocchi individuali devono contenere la “proof of work” (prova del lavoro) per essere considerati validi. Questa “Prova di Lavoro” viene verificata da altri nodi Bitcoin ogni volta che un blocco viene ricevuto. Come prova di lavoro, Bitcoin usa la funzione hashcash.

HashCash – HashCash è un sistema “proof-of-work” usato per limitare email spam e attacchi  DoS e piú recentemente viene conosciuto per il suo uso nell’algoritmo di Bitcoins e altre criptovalute come parte dell’algoritmo di mining,

 

Il proposito primario del processo di mining è di permettere ai nodi della rete Bitcoin di raggiungere un consenso sicuro e a prova di manomissione. Mining è pure il processo attraverso il quale i Bitcoin vengono immessi nel sistema: Ai minatori vengono pagate delle fee come “sussidio” delle nuove monete create.

Questo serve due propositi: Distribuire nuove monete in maniera decentralizzata come per motivare le persone ad aggiungere sicurezza al sistema.

Si dice “minare” Bitcoin perchè il processo per ottenerli ricorda il lavoro delle miniere: richiede l’estrazione e crea lentamente nuova valuta un pò come in passato si faceva con l’oro o altri metalli preziosi.

Cos’è la Proof of Work

La “proof of work” è un piccolo insieme di dati che è stato difficile (richiede molto tempo e/o risorse) produrre per soddisfare determinati requisiti.

A produrre una “proof of work” è un processo casuale con poca probabilità, mi spiego, un processo per il quale viene richiesto mediamente un alta percentuale di prova/errore.
Bitcoin usa la “proof of work” chiamata HashCash.

Come Si Misura La Difficoltà Di Mining

Il Problema Della Difficoltà Di Calcolo

Minare un blocco Bitcoin è difficile perchè l’hash SHA-256 della testata(Header) di un blocco deve essere minore o uguale all’obbiettivo perchè  il blocco venga accettato dal network.

In italiano: L’hash (codice) di un blocco deve cominciare con un certo numero. La probabilità di calcolare un hash con tanti zeri è molto bassa, quindi bisogna fare un sacco di tentativi. Per generare un nuovo hash ad ogni round aumentano il tempo e il potere di calcolo necessari

La Metrica Della Difficoltà Della Rete Bitcoin

La Bitcoin Mining Network Difficulty (difficoltà di mining della rete bitcoin) misura quanto sia difficile trovare un nuovo blocco, comparando la piú difficile delle possibilità con la piú facile.
La difficoltà viene ricalcolata ogni 2016 blocchi e si riconduce al valore che si ottiene calcolando come se i 2016 blocchi precedenti fossero stati minati in due settimane alla stessa difficoltà. Questo ci porta a una media di un blocco ogni 10 minuti.

La percentuale dei blocchi creati cresce mano a mano che piú persone si uniscono. Piú si alza la percentuale di creazione dei blocchi, piú si alza la difficoltà per compensare, e la percentuale di creazione si abbassa. Ogni blocco rilasciato da miners “maligni” che non rispondono alla difficoltà richiesta dal network verranno semplicemente rifiutati dalla rete stessa diventando senza valore.

La Ricompensa Dei Blocchi

Quando un blocco viene scoperto, lo scopritore può premiarsi con un certo numero di Bitcoins, questo premio deve essere accettato da tutti quelli presenti nel network.

Addizionalmente al “minatore” vengono riconosciute le fee sulle transazioni inviate dagli utenti. Le fee sono un incentivo per far includere al “minatore” le transazioni sul suo blocco. In futuro visto l’assottigliarsi del numero di Bitcoins che si potranno estrarre dai blocchi, le fee diveteranno una parte molto piú importante dei guadagni derivati dal “mining”.

Direi che per oggi può bastare … 😀

Per Approfondire Vedi Anche:

La Storia Dei Bitcoins

Come Acquistare Bitcoins Rimanendo Anonimi
Se hai domande, dubbi o perplessità non esitare a lasciare commento!

 

Rimanete connessi e ricordate:

 

1 Commento

Lascia un commento